mercoledì 5 settembre 2018

la razza superiore

80 anni fa vennero introdotte in Italia le leggi razziali. Furono precedute da un giuramento collettivo di 1200 professori universitari di fedeltà alla patria fascista e da un documento scritto da 10 docenti universitari italiani considerati tra i più preparati che dichiarava l'esistenza della razza italiana e la sua superiorità sulla razza ebraica.

Non c'era nulla di scientifico in quelle dichiarazioni, la comunità scientifica internazionale le confutava  ma il fatto che tali asserzioni diffuse con risalto dai giornali, dalla radio e dal cinema provenissero da persone rivestite di autorità scientifica e medica convinse molti italiani ad accettare anche attivamente la persecuzione degli ebrei in tutta Italia.

Fu il primo significativo esempio in Italia di manipolazione delle informazioni per scopi politici eseguita dallo Stato, come già accadeva in paesi europei e non europei secondo quanto ha magistralmente spiegato Noam Chomsky.

Fu anche una "anticipazione" dell'esperimento di Milgram del 1961 sul conflitto tra l'obbedienza all' Autorità e i valori etici del singolo individuo.

Quanti si prestarono come scienziati a questa vergognosa manipolazione non furono meno responsabili di coloro che poi successivamente diedero corso al razzismo di Stato, eseguito da apparati dello Stato, Magistratura, Forze dell'ordine e Forze Armate. Davvero una delle pagine più brutte della storia italiana.





Archivio blog