giovedì 28 aprile 2016

governi fossili

La notizia forse non è stata data con il necessario rilievo ma, per la prima volta al mondo, un aereo ha sorvolato l'Oceano Pacifico da Abu Dhabi alla California in 3 giorni e 3 notti senza scalo e senza una sola goccia di carburante, solo con energia solare, con un equipaggio di due persone. In un Paese governato da fossili non è facile comprendere le future e non lontane implicazioni di tutto questo. Solar Impulse 2 è il nome del velivolo che ha compiuto l'impresa, ritenuta da molti impossibile per così grandi distanze. Il futuro c'è chi lo sta già testando e perfezionando. Gli altri trivellano.

Ecco il filmato.



















la città dai 100 portoni



Piazza Armerina una delle Città del centro della Sicilia ricche di arte e beni culturali, basti pensare alla notissima Villa Romana del Casale, Patrimonio Unesco. Ci sono anche affreschi medievali e rinascimentali molto rari. Eppure le Chiese che contengono questi meravigliosi tesori sono drammaticamente chiuse.

strada provinciale n. 4 ex Provincia Enna


I 5 Stelle di Piazza Armerina non le mandano a dire. Annunciata e regolarmente smentita la fine dei lavori interminabili sulla SP 4 da circa 10 anni interrotta, l'importante via di comunicazione sostituita sostanzialmente da due lustri da una mulattiera asfaltata. Nel frattempo a Piazza Armerina sono nati oltre 1700 bambini e sono decedute oltre 2.000 persone, e quasi 3.300 persone hanno cambiato Città. Insomma è passata un'era e i nonni già raccontano ai nipotini di quando percorrevano da giovani la SP 4. E così stando le cose, il Meetup Grilli Armerini prende lo spunto dall'ultimo annuncio anche a mezzo stampa (lavori finiti per il 26 Aprile 2016) e si presenta davanti al cantiere. Deserto. Constatata l'assenza di Autorità, si fanno Stato e inaugurano loro la Strada Provinciale 4.

domenica 24 aprile 2016

i nuovi partigiani

Secondo dati Istat non meno di 4.791 nostri concittadini hanno lasciato la nostra città negli ultimi 12-13 anni. Il dato è sottostimato perchè molti si sono trasferiti senza cambiare residenza o non lo hanno ancora fatto. 
Sono stati costretti da una nuova guerra, loro difendono la libertà perchè, come sosteneva Jung,  senza libertà non può esservi moralità.  e dunque, non ci può essere dignità senza moralità. La lotta per la dignità/moralità è il risultato dello stato di libertà che ci sentiamo mancare, che constatiamo minacciato, che non c'è.
Nello stesso periodo in Italia hanno cambiato Città quasi 18.000.000 di Italiani (migrazione interna) e oltre 1.000.000 sono andati a vivere in una Città estera. 
Non sono andati a colonizzare nessuno, non hanno esportato democrazia, non sono andati a difendere il prestigio dello Stato,  Il 25 Aprile è per loro, per i reali e quotidiani combattenti per la libertà e per le sacche di resistenza di coloro che sono rimasti qui a lottare.

sabato 23 aprile 2016

il gioco sporco dell'informazione in Italia

ancora acqua putrida

Internet in crescita in Italia



Questo vuol dire che in una Città come Piazza Armerina, circa 9.000 persone si sono collegate ogni giorno ad internet e tra questi 5.000 hanno utilizzato un social network (Facebook, Twitter e altri). Delle circa 9.000 persone che si sono collegate almeno una volta la giorno ad internet, circa 2600 hanno un'età compresa tra i 15 e i 24 anni.

sabato 9 aprile 2016

solidarietà ai petrolieri ma io voto SI

Lo scandalo di Tempa Rossa è direttamente legato al referendum contro le trivellazioni. I ministri, i sottosegretari, i Sindaci, la Presidenza del Consiglio e persino un Capo di Stato Maggiore si sono dati da fare a vari livelli per permettere a compagnie private di fare il loro business. Questo emerge non tanto dalle intercettazioni, quanto piuttosto ed oggettivamente dalle norme di legge approvate. Non si era mai visto nella nostra Repubblica una norma di legge che autorizzasse lo sfruttamento del petrolio a vita. Questo significa cedere di fatto la proprietà delle risorse pubbliche a dei privati  con l'ulteriore agevolazione del pagamento rateale (royalties). Ci troviamo di fronte ad una cessione del patrimonio statale, senza precedenti, che contiene dentro anche una macroscopica violazione del principio di libera concorrenza, pilastro del diritto europeo. Si, c'è anche questo. Stai dicendo, tu che hai già le concessioni sfrutti il giacimento a vita e tu, invece, che hai le concessioni scadute o non ce l'hai proprio, non ci puoi fare niente. Evidente che si tratta di un favore fatto alle compagnie operanti in danno delle altre. 
La normativa esistente dice che non si può più estrarre petrolio e gas perforando le coste italiane. Il problema però era ed è come gestire l'uscita delle compagnie già operanti sulle coste. La soluzione data dal Governo è quella di permettere loro di sfruttare il giacimento a vita. Attenzione anche al fatto che nella legge si parla di giacimento, non di area o zona del giacimento, ma di tutto il giacimento
Questo significa che la compagnia che esaurisce le estrazioni nell'area o nel pozzo si può spostare in altra area e perforare altri pozzi dello stesso giacimento. Insomma la norma presenta una contraddizione enorme, ma è coerente con una politica di aiuto spudorato alle compagnie petrolifere. Tutta la normativa dello sblocca italia è stata concepita così, dare un aiutino ai poveri. 
E in questo caso i poveri non sono altro che le compagnie petrolifere. Chi non ha mai veduto agli angoli delle strade poveri petrolieri chiedere l'elemosina e chi non li ha visti imbucarsi in qualche cena elettorale per raccattare un tozzo di pane da sotto i tavoli. 
Tempa Rossa è una tessera dello stesso mosaico. 
C'era bisogno di trasportare il petrolio estratto in Basilicata verso un porto, quindi alla compagnia petrolifera serviva un oleodotto, un deposito per il petrolio ed un ampliamento di un porto.
Parte dell'oleodotto, l'intero deposito e l'ampliamento del porto però si dovevano fare in Puglia e non in Basilicata.
La regione Puglia, che non ha diritto alle royalties perchè non è lì che si estrae il petrolio, tuttavia, visto che il petrolio deve passare per forza dalla Puglia con tutti i rischi noti, chiede delle compensazioni ambientali. I poveri petrolieri che già non compensano il pranzo con la cena figurati se sono disposti a compensazioni ambientali. E che problema c'è? C'è lui al governo. Non era necessario leggere le intercettazioni della Guidi e i suoi riferimenti alla combriccola e al quartierino per sapere dell' enorme bontà d'animo del Governo.

Archivio blog