mercoledì 25 novembre 2015

Una coppia in Sicilia, come potrebbe essere un viaggio in Villa e Città


Quella mattina ci mettemmo in macchina presto…. Volevamo vedere ancora altre realtà di questa terra ricca di contraddizioni eppure così bella, così misteriosa…… Le condizioni del tempo erano incerte ma il sole che a intermittenza ci sorrideva e scaldava era una meraviglia…. Su strade un po’ sconnesse arrivammo in una zona ricca di vegetazione…. I boschi coi loro alberi che tutto vedono da secoli ci danno un verde benvenuto in una zona senza tempo, ricca di storia e di antica cultura…. E proseguendo ammaliati da tanto splendore pieni di voglia di conoscere ci chiedevamo di cosa di tanto particolare stavamo per arricchirci….. Un posto bellissimo, una Villa unica dove gli ambienti con i loro pavimenti di una bellezza straordinaria ci raccontavano della grandezza dell’Impero, coi suoi miti, la vita quotidiana, i gioielli e le vesti del tempo…. Quanta bellezza, quanti particolari, quanta raffinatezza….. Con gli occhi ancora pieni di quell’incanto e in religioso silenzio in quel luogo stupendo, le guide ci danno un foglio…. C’è la possibilità di continuare la visita nella Città che custodisce il gioiello appena visto… Così tornati in macchina seguiamo le indicazioni… sulla strada un bellissimo angolo: i Canali con la copiosa fresca acqua che sgorga da secoli …. Arriviamo intanto verso il centro ... Sono le 11,00 e l’odore di dolci che proviene dai bar ci ricorda che dobbiamo ancora mettere qualcosa sotto i denti….Ci fermiamo davanti a un bar piccolo ma grazioso dove ritroviamo le immagini della meraviglia appena vista poco prima e che non scorderemo più….. Prendiamo qualcosa di tipico, dolcetti freschi e deliziosi e a parte ce ne facciamo incartare qualcuno perché buonissimi….
La cittadina è pulita e già i primi monumenti sono sotto i nostri occhi….San Pietro e il Chiostro appena restaurato (bellissimo)….Sempre seguendo il percorso che ci avevano dato le guide ancora Chiese di tutti gli stili….Molto interessante questa città dalle 100 chiese…. I monumenti particolari con un unicum: il colore della pietra, un’arenaria del posto scolpita da artigiani del posto: la Commenda dei Cavalieri di Malta da dove si partiva per Gerusalemme durante le crociate…Poco più in là la Torre del Padre Santo, e lì vicino una Chiesa con gli affreschi del Borremans. Si respira un’aria di festa … Tanti gruppetti di turisti alla ricerca di cose da visitare e di souvenir da comprare….
Tra palazzi antichi dai balconi ricchi di fiori continuiamo il cammino attraverso la via Umberto, chiusa al traffico e quindi lontana dai rumori. Il percorso turistico è stato organizzato segnando la strada con dissuasori in ferro battuto raccordati l’uno all’altro da un cordone rosso amaranto che aiuta i turisti a non perdersi, molto suggestivo… Arriviamo in una piazza accolti dal suono di un violino che un artista di strada virtuosamente suona... 
Anche qui tanti palazzi antichi e la Chiesa di Fundrò ……E' già l’ora di pranzo e tanti sono i locali piccoli e grandi che espongono i loro menù del giorno…. Decidiamo di entrare in un locale tipico e scegliamo di gustare le tipicità del luogo…. Pasta fatta in casa con finocchietti, le sarde e la mollica…. Vino generoso prodotto da un agriturismo locale e poi una bella grigliata con contorno di olive, verdura selvatica rigorosamente del luogo come il pane fatto in casa... Il tutto allietato dal canto di arie di un tenore molto bravo… Attorno a noi altri turisti sorridenti che facevano ben sperare che il pranzo sarebbe stato ottimo….. Dopo il caffè decidiamo di proseguire la visita in città….
Il foglio su cui è segnato l’itinerario ci dice di seguire la corda rossa amaranto sulle strade... Via Cavour ripida ma piena di palazzi, localini e negozietti di souvenir mentre osserviamo cosa fanno gli artigiani … Intanto qualcuno prepara il torrone di nocciole tipico di Piazza che certamente gusteremo... In questa cittadina veniamo a sapere che si parla un dialetto gallo-italico e di lì a poco, su un banchetto ecco un artista che declama dei versi incomprensibili ma dal suono melodioso…..i nostri cuori sono sereni,si respira un’aria semplice ma che emoziona…. Non so quante fotografie ho scattato lungo il percorso e ai monumenti e agli artisti da cui abbiamo comprato qualcosa... Un quadro a olio di un pittore che dipinge dal vero gli scorci caratteristici della città che avevamo incontrato vicino un monumento mi piace particolarmente….. visitiamo finalmente la Basilica Cattedrale Maria SS delle Vittorie (Patrona della Città)… Un edificio immenso, che sovrasta la città, alta 821 m., e comincia a fare un po’ freddino…
E' pure tardi ma ormai coinvolti decidiamo di restare….. Grandiosa la Cattedrale, come il Palazzo Trigona che racchiude i tesori portati alla luce nella villa romana e nelle zone archeologiche attorno alla città…. Accanto c’è una pinacoteca…artisti locali nell’antichità hanno dipinto molti quadri custoditi in una bella struttura…. Subito dopo proseguendo l’itinerario veniamo coinvolti nella degustazione di pane caldo fatto in casa condito con olio doc e pepe nero…..mmmmm…. Un bel castello Aragonese ci saluta durante il cammino…. Tanta la gente per strada mentre si sente il suono lontano di chitarre…. Poco più sotto dei ragazzi, seduti su una scalinata, intrattengono i turisti, accanto a sculture esposte da artisti….. Di fronte chiese e una biblioteca che custodisce una mostra del libro antico e dove spicca un testo di cui esistono solo 5 esemplari al mondo….Il Confucio tradotto da Intorcetta un Gesuita….
I monumenti intanto si arricchiscono di una luce artificiale che esalta il colore giallo scuro della pietra arenaria….Un’atmosfera unica….decidiamo di restare lì a dormire e ci informiamo, tramite un numero telefonico sulla guida se c’è un b&b con una stanza matrimoniale disponibile….Ci richiamano subito e confermano…Sulla stessa via dove ci troviamo (via Vittorio Emanuele è possibile….è lì vicino…un piccolo vecchio stabile ma con i soffitti affrescati e ben arredato con pezzi autentici….il prezzo non è troppo alto….in piazza stasera ci sarà qualcosa….vogliamo assistere…) intanto c’è il problema della macchina direte voi...no,no….le macchine sono custodite in un’area ben precisa già non appena si arriva in città….Un servizio taxi, offerto dal b&b porterà le comitive direttamente a prelevarla e / o a prendere le valigie…..La serata prosegue con una buona pizza e intrattenimento di artisti in piazza…. L’indomani si parte sì ma non senza aver visto un’altra bellezza:il gran priorato di Sant’Andrea con i suoi affreschi rari di arte medievale…. Ne è valsa la pena!
Grazie, Piazza Armerina, dell’accoglienza, dell’atmosfera, del cibo, della bellezza di ogni tuo angolo….Assieme allo splendore della Villa patrimonio dell’Umanità non scorderemo queste ore passate a visitarti: un bel regalo per i nostri 25 anni di matrimonio.

Savy Giusto.