giovedì 25 dicembre 2014

la solidarietà pelosa

A sinistra Luca Odevaine -ex vice capo di gabinetto di Walter
Veltroni- e a destra Giuseppe Castiglione
Il centro CARA di Mineo accoglie rifugiati e ingrassa politici. Parliamo del centro per richiedenti asilo più grande d'Europa.
La solidarietà sta nel fatto che non si fa distinzione tra politico di centro destra o di centro sinistra. Nessuna discriminazione. Neppure tra eletti e trombati, tra centro e periferia. Un unico sistema che da Comunione e Liberazione, Legacoop, al Consorzio Calatino Terra di Accoglienza (presieduto da Giuseppe Castiglione NCD) abbraccia ogni genere di politico. Il politico ingrassa in tanti modi, non necessariamente con i soldi. Si accontenta di un bacino clientelare dal quale raccoglie voti e sopravvive a sé stesso.
Da Lampedusa in su la mano della politica sul business dei rifugiati era nota. Adesso sappiamo che l'altra mano è quella del crimine organizzato. Un sodalizio vincente, tra politica e criminalità. La sensibilità verso i rifugiati è così intensa da 
L'appartamento di Catania di La Via
avere spinto Giovanni La Via (euro deputato NCD), uomo di Angelino Alfano ed ex Assessore nei Governi Siciliani di Totò Cuffaro e Raffaele Lombardo- entrambi coinvolti in vicende di Mafia-, a dare in affitto un suo appartamento catanese al Consorzio SISIFO, iscritto alla Legacoop. A quanto pare a sua insaputa, colpa dell'Agenzia Immobiliare a suo dire. Ma la firma sul contratto di locazione chi ce l'ha messa, l'Agenzia? 
Si registrano dal centro della Trinacria messaggi commossi sulla condizione dei rifugiati,  prodotti ed inviati dalle stesse aree politiche, con contestuale mieloso e appiccicoso rilascio on line di attestati per giornalismo di collina eccellente -una specie di olio dop-, un premio Pulitzer dei Monti Erei, che è tutto dire, e tutto tacere.

Archivio blog