domenica 5 ottobre 2014

il miracolo, dal vangelo secondo Mattia

Allora Egli chiamò a sé i suoi Assessori e disse: «Sento compassione per la folla degli elettori. Ormai da più di un anno stanno con me i debiti fuori bilancio e le osservazioni della Corte dei Conti e gli elettori non hanno più da mangiare bufale. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». 33 E gli Assessori gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tante poste di bilancio da sfamare una folla di elettori così grande?». 34 e Lui domandò loro: «Quante poste di bilancio avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini d'Aprile». 35 Dopo aver ordinato alla folla degli elettori di sedersi per terra, 36 prese le sette poste di bilancio e i pesci d'Aprile, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla degli elettori.
                                                                                    Dal vangelo secondo Mattia 15,32-36.
Il premio Nobel Stiglitz pare si stia precipitando a Piazza Armerina per migliorare le sue conoscenze di Economia. Mai- avrebbe dichiarato- un Comune è passato in così poche settimane da un buco di bilancio alla possibilità di maggiori spese correnti per Euro 2.017.680 virgola 01. 
Qualche impertinente gli ha chiesto ma se le previsioni di entrata non dovessero coincidere con la realtà, che succederebbe? Per esempio se anziché 1.002.360 virgola 87 di Euro di entrate extra-tributarie previste in più fossero invece 500.000? Oppure se  2.348.987 virgola 78 Euro previsti come maggiori entrate, fossero invece 1.600.000? Stiglitz alla bassa insinuazione avrebbe risposto: "Sono affascinato dalle virgole, il resto non m'interessa". 



Archivio blog