giovedì 16 ottobre 2014

fare soldi sui migranti e mentire in Parlamento

Angelino Alfano, capo del Nuovo Centro Destra, ne ha combinata un'altra. Dopo il vero e proprio sequestro di persona della Signora Shalabayeva e dei suoi figli, completamente attribuibile al Ministero dell'Interno Italiano da lui diretto, adesso arriva una sconvolgente figura di... fatta in Parlamento ed in Europa. Angelino, l'Agrigentino, si è sparato una di quelle balle da far vergognare gli Italiani per avere una persona così poco adeguata alla guida di un Ministero così tanto importante. In materia di migranti aveva promesso la soluzione del problema, venendo incontro alla richieste pressanti dei suoi ex alleati (Lega e Fratelli d'Italia, questi ultimi orfani della defunta Alleanza Nazionale). Gente che raccoglie firme per strada e organizza manifestazioni contro l'invasione dei migranti in Italia. Basta con l'operazione Mare Nostrum, noi ci ritiriamo, deve pensarci l'Europa, aveva annunciato urbi et orbi. Che detta così potrebbe pure sembrare sensata e ragionevole. Il fatto è che le cose non stanno affatto così. L'Europa non ha mai promesso di sostituirsi alle autorità italiane in materia di controllo dei flussi migratori. Si è trattato di una bugia detta per non perdere elettori...forse. I migranti sono un grande affare economico, ci si guadagnano su moltissimi soldi. Tanto è vero che il centro di Lampedusa, per esempio, è stato gestito dapprima da soggetti legati al mondo del Partito Democratico e poi (dopo lo scandalo della scoperta del trattamento disumano dei migranti denunciato dalla stampa) da lontani parenti di Angelino Alfano. Certo, solo coincidenze, ovviamente, nell'uno e nell'altro caso. Se i migranti arrivano in Italia e ci restano intrappolati lo si deve a dei trattati (Dublino 1, 2 e 3) firmati da Berlusconi e i suoi alleati (Lega e Alleanza Nazionale) e da Letta (Partito Democratico) e suoi alleati. 
Angelino Alfano quando era democristiano.

Archivio blog