domenica 3 agosto 2014

la venerabile riforma del Parlamento

Licio Gelli è stato un gran maestro, in molti sensi. In quello proprio di Gran Maestro della Massoneria, Loggia P2, e in quello più esteso di insegnante politico. Tra i suoi allievi più noti il famigerato Silvio, il Frodatore di Arcore (tessera della P2 n. 1816, vedere ricevuta). Ma l'insegnamento politico del Grande Maestro è arrivato sino al Sig. Matteo Renzi. Non ci si può credere, vero? Toscani entrambi, entrambi vicini agli ambienti finanziari che contano in Italia ed all'estero, hanno lo stesso modo di vedere, in materia di riforme del Parlamento. 

Scrive il Gran Maestro nel suo sussidiario politico, per allievi svegli, sequestrato nel 1982 dalla Magistratura : 
1) ripartizione di fatto delle competenze delle due Camere, 
2) ... dare forza al principio del rapporto fra maggiorana-governo da un lato, e opposizione, dall'altro, in luogo della attuale tendenza assemblearistica,
3) nuove leggi elettorali, ... per il Senato, di rappresentanza di secondo grado, regionale....elevando da 5 a 25 quello dei Senatori a vita di nomina Presidenziale,
4) ... dare alla camera preminenza politica.
Coincidenze?
Matteo Renzi sta attuando una parte del programma politico di Licio Gelli. Questo è un fatto. 
E come diceva John Adams, secondo Presidente degli Stati uniti d'America, nel  1770, i fatti sono argomenti testardi.            

Archivio blog