venerdì 29 agosto 2014

bufale da milioni di Euro

Piccato per un articolo apparso su StartNews -che gli chiedeva conto dei 5 milioni di Euro di finanziamenti Europei non ancora sbloccati- l' Assessorato all' Urbanistica del nobile (decaduto) Comune Armerino assicura che un futuro migliore c'è per questa città. La rassicurazione viene pubblicata sulla pagina Facebook dell'Assessore Oliveri e lanciata sul social network dal gruppo di comunicazione e propaganda dell' Amministrazione Miroddi. Il futuro migliore sarà assicurato da finanziamenti europei per una somma superiore ai modestissimi 500.000 Euro che starebbero per partire (per andare dove non si sa). La soluzione si chiama URBACT III che, dice l'Assessore, sarebbe un progetto su cui stiamo lavorando in rete con altri tre comuni e che modificherà tanto l'assetto urbanistico della Città quanto il futuro economico di questo territorio. 
C'è però un problema. URBACT III non serve a finanziare opere da realizzare nei Comuni. Il suo scopo è invece quello di dare una mano agli amministratori su come fare dei progetti dal punto di vista tecnico. Purtroppo non è ancora attivo. Partirà, se tutto va bene, dalla primavera del 2015. Solo da quella data i Comuni interessati potranno partecipare ad un Bando Europeo per ottenere aiuto dall' Unione Europea su come fare progetti. E solo se la richiesta verrà ritenuta valida sarà sostenuta, altrimenti no. Quindi è decisamente strano che si stia già lavorando in rete tra Comuni (quali?) per qualcosa che ancora non c'è. Attenzione, si potrebbe pure trattare di chiaroveggenza, cartomanzia. lettura della mano.
L'aiuto che l'unione potrà dare per l'allestimento di progetti è anche economico e varierà da 350.000 a 710.000 Euro, più tutta una serie di gite per l'Europa per apprendere "l'arte della progettazione" nel settore urbanistico. Poi una volta fatti i progetti bisognerà farseli finanziare però. Ma questo è un altro paio di maniche. Nel frattempo, dunque, si fa credere alla gente,  deformando la realtà, che fiumi di denaro stanno per arrivare. Secondo me è il caldo che fa brutti scherzi in Sicilia.

Archivio blog