domenica 15 giugno 2014

bombe al fosforo democratiche sui civili

Da più fonti si è diffusa la notizia che il democratico governo Ucraino, sostenuto politicamente ed armato da Unione Europea e U.S.A., stia usando bombe al fosforo per "riconquistare" la zona orientale russofona dell'Ucraina, occupata da insorti di etnia russa e sostenuta politicamente e militarmente dal governo Russo. L'uso di ordigni al fosforo è vietato dal diritto internazionale perchè provoca un effetto  indifferenziato di vittime tra militari e civili. E' un crimine di guerra, come l'uso dei gas.
I primi ad usarle sono stati gli U.S.A. nella "guerra del golfo", successivamente è documentato che siano state le forze armate Israeliane ad usarle a Gaza. 
Non si sentono in giro voci di pacifisti, radicali e verdi e premi nobel per la pace che protestano. Nessun governo Europeo ha denunciato il crimine di guerra, nessuno invoca l'intervento dell'ONU o commissioni di inchiesta. L'ipocrisia del silenzio si chiama crimine. Il "civile" Occidente sta rafforzando il convincimento criminale dell'uso di armi vietate dal diritto internazionale. Questi qui vorrebbero entrare nell'Unione Europea, quella dei diritti dell'uomo? L'Unione Europea che finanzia l'Ucraina che commette crimini di guerra?


Archivio blog