giovedì 10 aprile 2014

Sondaggi ed analisi dei dati

Il web è un enorme registro di dati. Si può usare per analizzare alcuni comportamenti e le tendenze degli utenti.
Digitare delle parole sul web con maggiore frequenza significa un maggiore interesse verso ciò che quelle parole indicano. 
Nel caso del grafico che segue la linea blu indica la digitazione sul motore di ricerca Google, negli ultimi 30 giorni, delle parole "movimento 5 stelle" e la linea rossa le parole "partito democratico".
Il secondo grafico mette a confronto le stesse parole sull'applicazione (si dice così?) Google News che effettua la ricerca sui giornali on line.











Infine, il terzo grafico mostra la ricerca delle stesse parole su You Tube e la linea rossa c'è, ma è piatta.

Lo strumento di analisi dei dati utilizzato è disponibile per tutti, viene usato nelle forme più professionali dagli istituti di ricerca di scienze sociali. Le società  italiane che si occupano di sondaggi di opinione non lo usano perchè ricorrono ad una tecnica vetusta: l'intervista telefonica. Sarebbe come andare in città col carretto quando tutti gli altri hanno l'automobile.
Naturalmente l'analisi dei dati riportata fornisce solo dati aggregati (non distingue sesso, età ed altre caratteristiche degli utenti, ma solo l'area geografica). Per avere più dati disaggregati bisogna acquistarli. Ma non ci penso lontanamente.


Archivio blog