giovedì 30 gennaio 2014

Perché il Presidente della Repubblica ha violato la Costituzione

Non farò un lungo elenco perchè per violare la Costituzione basta una sola volta. Provate a smentirmi. Il Presidente della Repubblica ha violato e quindi tradito la Costituzione della Repubblica Italiana, concedendo la grazia al giornalista Alessandro Sallusti che era stato condannato, con sentenza penale definitiva, a scontare in carcere la pena prevista dalla legge per un reato da lui commesso. 
Secondo la nostra Costituzione il Presidente della Repubblica può concedere la grazia ma, sempre secondo la nostra Costituzione, è il garante del rispetto della Costituzione. A chiarire esattamente i limiti del potere di concedere la grazia è stata la Corte Costituzionale (Sentenza n. 200 del 18 Maggio 2006) che si è espressa scrivendo che la grazia ha "la funzione di strumento destinato a soddisfare solo straordinarie esigenze umanitarie." Fate molta attenzione all'avverbio "solo" e all'aggettivo "straordinarie".
Come è a tutti noto il Sig. Alessandro Sallusti  gode di ottima salute, non è in fin di vita, frequenta spesso i talk show, ha un buon lavoro, ed è il compagno dell'Onorevole Daniela  Santanchè. 
Quali esigenze umanitarie straordinarie dunque, il fatto di frequentare Daniela Santanchè?
Perché ci sono detenuti gravemente malati che muoiono in carcere e detenuti che in perfetta salute devono essere graziati? 
Ecco, un Presidente che ha giurato di difendere la Costituzione non può e non deve concedere la grazia facendo come gli pare. Se lo fa tradisce la Costituzione. Se tradisce la Costituzione se ne deve andare a casa.

Archivio blog