sabato 11 gennaio 2014

Io sono molto informato leggo molti giornali e seguo i telegiornali e i talk show

Frank La Rue
Frank La Rue è il rapporteur special per i diritti umani e per la libertà di espressione e di opinione per conto del O.N.U.
   A dispetto delle dichiarazioni che fa non è un attivista né un simpatizzante del Movimento 5 Stelle Italiano. 
   Secondo la classifica mondiale della FREEDOM  OF THE PRESS 2013, l'Italia sarebbe al 69° posto nel mondo per libertà di informazione, preceduta da prestigiosi Paesi come la Namibia (64°) il Ghana e la Papuasia (55°), Taiwan (47°). 
Secondo l'ufficio dell' O.N.U., documento ufficiale del 2005 -quindi rilevante sul piano del diritto internazionale-, la RAI è stata fortemente politicizzata sin dal 1954. 
    Il documento è in inglese, una lingua nella quale non può essere tradotta la parola lottizzazione che infatti viene riportata in italiano e spiegata ai più nel mondo anglosassone. Un po' come le parole spaghetti, mafia, pizza. Intraducibili.             
    Secondo il documento la lottizzazione ha un grande impatto sia sul pieno utilizzo della libertà di espressione sia sul diritto dei cittadini ad essere adeguatamente informati. Da 2004 ad oggi l' Italia è considerato palesemente un paese semi-libero per libertà di espressione da parte delle organizzazioni internazionali che stilano le classifiche sulla libertà di espressione nei vari paesi del mondo e permangono seri dubbi sulla indipendenza della RAI (il linguaggio dei diplomatici è straordinario...).
    Tanto l' O.N.U. quanto l' Unione Europea hanno già diverse volte rivolto raccomandazioni - nel senso anglosassone del termine- ed espresso preoccupazione per la situazione italiana anche in relazione alla concentrazione delle proprietà dei mezzi di informazione e al modo non trasparente di nomina dei board - dei vertici- della R.A.I.
Si tratta di una freccia avvelenata scagliata contro il Senatore Gasparri autore o firmatario di una riforma che a suo dire avrebbe aumentato gli spazi di libertà. Ma tra i due come si può notare esistono opposti modi di vedere.





Archivio blog