giovedì 2 gennaio 2014

Incompatibilità del Sindaco di Piazza Armerina

E' da mesi che serpeggia la voce che il Sindaco di Piazza Armerina sia un abusivo. Nel senso che la sua carica di Sindaco non sarebbe compatibile con il suo incarico di dirigente che svolge alla ASP 4 di Enna. La voce è stata più volte smentita dall'interessato e almeno in una occasione la smentita è stata diretta nei confronti dell' ex Segretaria Generale del Comune di Piazza Armerina, la Dottoressa Carolina Ferro che aveva espresso non solo delle perplessità ma aveva segnalato "l'abusivo" alle autorità competenti. Mossa questa ritenuta dalla Ferro come "dovuta". 
Non sono certo mancate le polemiche soprattutto politiche. Quando l'opposizione alla amministrazione Miroddi qualche settimana fa faceva ancora l'opposizione, la faccenda era spesso abilmente utilizzata. Adesso che pirandellianamente gli oppositori (PD) sono oppositori e non sono oppositori - perchè approvano il bilancio figlio illegittimo del loro buco di bilancio dell'esercizio precedente- la querelle ha toni meno accesi. Potrei sbagliare, ma quando la Dottoressa Ferro segnalò Miroddi come abusivo non era ancora stata pubblicata la delibera  n. 58 della Autorità Nazionale Anti Corruzione e per la valutazione della trasparenza delle amministrazioni pubbliche. Quella delibera contribuisce a chiarire la questione. Dice infatti che per i dirigenti di strutture semplici non inserite in strutture complesse deve concludersi per la applicabilità della disciplina in esame. Per i dirigenti che dirigono strutture semplici inserite in strutture complesse la disciplina non è applicabile tranne il caso in cui, tenuto conto delle norme regolamentari e degli atti aziendali (art. 3, co. 1 bis e art. 15, d.lgs. n. 502/1992), al dirigente di struttura semplice sia riconosciuta, anche se in misura minore, significativa autonomia gestionale e amministrativa. 
In parole spero meno complicate, il Sig. Sindaco non sarebbe un "abusivo" se è vero che ricopre- come egli stesso afferma- l'incarico di dirigente di unità semplice presso l'ASP 4 di Enna e sempre che tale unità semplice dipenda da una unità complessa. Se invece l'unità semplice che dirige non dipende da una unità complessa allora occorre verificare in concreto se abbia oppure no una autonomia gestionale e amministrativa "significativa". Quindi quello che conta alla fine è non avere di fatto autonomia  gestionale e amministrativa anche in misura ridotta. Anche se la delibera non lo dice, neppure una unità semplice non dipendente da una struttura complessa ma priva di potere gestionale e amministrativo non dovrebbe rientrare tra i casi che fanno scattare l'incompatibilità.
Dunque, se qualcuno è in grado di dimostrare che l'unità semplice diretta dal Sindaco Armerino non dipende da alcuna unità complessa o che ha una autonomia gestionale e finanziaria, si faccia avanti o taccia per sempre.


Archivio blog