mercoledì 8 gennaio 2014

I sondaggi tarocCATI di Pagnoncelli

    Ecco l'uomo dei sondaggi di Ballarò. Persona distinta, sicuramente per bene, parla con calma, quello che dice molto spesso lo legge, si vede che è uno che non vuole fare errori, professionale. 
    Epperò, sta sera telefona a casa una donna dall'accento straniero e dice di essere della la società che fa sondaggi telefonici per la società di Pagnoncelli. Chiede il permesso di fare un'intervista telefonica e comincia a chiedere età, titolo di studio. Quindi prosegue con le domande: può dirmi per chi ha votato alle ultime elezioni? E dà un elenco di possibili risposte, area di destra di sinistra, movimento 5 stelle, ecc. ecc. La risposta che parte da questa parte del telefono non senza una una certa soddisfazione è: ho votato movimento 5 stelle.
      Bene, a quel punto l'intervistatrice dice che deve chiudere l'intervista, non può proseguire il sondaggio perchè è stato raggiunto il numero di persone con quell'età e con quel titolo di studio. Ma, allora, perchè l'hai cominciata l'intervista, visto che sapevi età e titolo di studio della persona intervistata? In questo modo non hai chiesto alla persona intervistata le sue opinioni di voto, tipo, se lei dovesse votare adesso, per chi voterebbe? Hai eliminato un dato mentre lo stavi acquisendo e il risultato del sondaggio che pubblicherai sarà taroccato perchè sarà in favore di partiti "tradizionali".
     Già molti sanno che sul campione di 10.200 utenze telefoniche fisse contattate ( metodo CATI ) a rispondere effettivamente sono meno di mille persone. Il metodo usato è tra i più criticati dagli esperti. Ad avere il telefono fisso sono sempre meno famiglie, per molti motivi. Quotidiani nazionali come La Stampa o La Repubblica hanno parlato di crollo delle utenze telefoniche fisse
       Ma senza bisogno di grandi studi sociologici è ovvio che le famiglie che hanno il telefono fisso non sono un campione medio rappresentativo della popolazione, né per età media, né per istruzione, né per reddito. Quindi se il campione non è quello medio i risultati non saranno quelli medi, o no? Questo spiega le gigantesche cantonate prese negli ultimi tempi dagli istituti di sondaggi. Tra queste il non avere previsto il boom del movimento 5 stelle alle ultime elezioni. Va bene, errare è umano, ma perseverare è tarocco.


Archivio blog