martedì 24 dicembre 2013

Vendola lo smemorato di Terlizzi

Accusato di concussione, interrogato per 7 ore, non ricorda, non sa. Sembra la buon'anima di Andreotti. Secondo gli inquirenti non sa spiegare il perché di una sua frase intercettata : "così com'è, l'ARPA Puglia può pure andare a casa, perchè hanno rotto." L'ARPA Puglia con tutte le sue manchevolezze aveva diffuso dati allarmanti sui limiti dell'inquinamento superati tra il Giugno ed il Luglio del 2010 allo stabilimento dell' ILVA di Taranto. In nessun caso, aveva dichiarato Vendola il 15 Luglio, la produzione dell' Ilva avrebbe dovuto subire ripercussioni. Nello stesso giorno decide di monitorare l'emissione tossica facendo piazzare le centraline di rilevamento all'interno degli stabilimenti Tarantini, proprio sotto i camini dove le emissioni vengono ovviamente sparate in alto, non all'esterno dove avrebbero rilevato il rilascio delle sostanze inquinanti ricadute sul territorio. Decisione che ha tutta l'aria -inquinata- per gli inquirenti di una furbata predisposta per dare una mano ai Riva, proprietari delle micidiali acciaierie di Taranto.

Archivio blog