domenica 8 dicembre 2013

Governo Letta tenta di bloccare la protesta in Sicilia

Il Governo Letta preoccupato della situazione in Sicilia decide di impedire le manifestazioni previste ed autorizzate in precedenza dalle Questure Siciliane. Assembramenti di persone vietati. Le Prefetture Siciliane diramano l'ordine nella giornata di ieri. I "forconi" siciliani reagiscono cambiando all'improvviso le località di raduno. Pochi minuti fa sono stati diramati diversi comunicati da parte del movimento di protesta dove si comunica che i presidi di Siracusa (Zona Pozzo Ingegnere e non più a Priolo) e Palermo (Via Basile/Ponte Viale Regione) sono confermati ma spostati in altro luogo.
Nelle prossime ore i Forconi decideranno se sfidare apertamente gli ordini del Governo. Sono in corso consultazioni frenetiche tra i vari coordinamenti. Intanto, i coordinamenti del nord Italia fanno sapere di essere pronti ad arrivare in soccorso dei coordinamenti Siciliani. La situazione non è affatto tranquilla, anzi, molti interpretano la presa di posizione del Governo come una provocazione, una sfida. Gli animi si sono esasperati.


Archivio blog