lunedì 16 dicembre 2013

Che sorpresina, Renzi!

E' noto che il MoVimento 5 Stelle ritiene che il finanziamento pubblico ai partiti sia illegale. Perché? Nel 1993 un referendum popolare abrogativo cancellò il finanziamento da parte dello Stato ai partiti e -poco dopo- i partiti continuarono a prendersi i soldi dallo Stato- sottraendoli con artifici e raggiri dalle tasse pagate dagli italiani- sotto forma di rimborso elettorale. 

Una operazione che solo dei delinquenti potevano concepire e solo dei criminali potevano attuare. Il meccanismo del rimborso elettorale, infatti, non è un rimborso. I partiti ricevono un contributo per ogni voto ottenuto dagli elettori. Dunque non è necessario per intascare il malloppo dimostrare di avere speso effettivamente dei soldi. Sarebbe come dire che per il solo fatto che sono andato a lavorare per una ditta in un'altra città mi spetta il rimborso del ristorante- anche se ho mangiato panini- e il rimborso dell'albergo - anche se sono andato a dormire da un parente o da un amico. Quindi, quando il Sig. Presidente del Consiglio parla di abolizione del finanziamento fa un lapsus clamoroso: se il finanziamento non esiste più non lo puoi abolire! Se lo chiami ancora finanziamento è solo perchè sai che è un finanziamento camuffato da rimborso, e sai anche che in questi lunghi anni le associazioni per delinquere chiamati partiti hanno intascato miliardi di euro illegalmente e ad essere stato violato non è solo e soltanto il referendum ma la stessa Costituzione

Se qualche cretino appena eletto viene a dire adesso che è disposto a rinunciare ai soldi ma in cambio vuole che qualcuno gli dia i voti per farsi la sua legge elettorale e la sua riforma del bicameralismo, senza passare per un dibattito, una discussione, chessò anche una semplice chiacchierata al bar di Montecitorio, altro non può essere che un cretino.

Ma quali discussioni e dibattiti in Parlamento! Basta un solo semplice baratto tra due soggetti politici, uno dei quali ha 150 parlamentari in più alla Camera e 50 in più al Senato. 

Perché in più? Sono illegali anche quelli. La Corte Costituzionale ha dichiarato che il premio di maggioranza previsto dalla legge elettorale Calderoli- nota come porcellum- è illegittimo, perché contrario alla Costituzione

Quindi riepilogando, c'è un cretino che per sole ragioni di marketing mediatico, dice di volere rinunciare a ciò che non è suo e che non gli spetta, ma in cambio vuol qualcosa. Non ci sono parole. Anzi sì, una sola: ricettazione.

Beccatevi questo grande leader, ve lo meritate, signori del PD. E' uno che certamente rappresenta la storia e la tradizione delle truffe ai danni della Repubblica e dei suoi cittadini. 

Renzi,il vuoto che avanza.
Matteo Renzi in una delle rarissime volte che è stato visto a Firenze
 

Archivio blog