domenica 24 novembre 2013

Trasparenza opaca del Comune di Piazza Armerina.

Obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, decreto legislativo n.33/2013. Il Comune di Piazza Armerina è inadempiente.
Le informazioni cui hanno diritto i Cittadini sono tenute nascoste dal Comune di Piazza Armerina, in violazione di una legge. Altri Comuni ed altri Enti hanno pubblicato correttamente secondo la Legge le informazioni che servono ai cittadini per controllare l'attività delle amministrazioni e quindi i loro interessi e diritti. Tra questi il Comune di Pietraperzia, l'ASP 4 di Enna. Invece il Comune di Piazza Armerina non consente di conoscere con facilità e trasparenza moltissime informazioni importanti ed elementari che vanno dall'indirizzo di posta elettronica, ai tassi di assenza del personale dipendente, al patrimonio del Comune,  la dotazione organica, il personale non a tempo indeterminato, performance, ammontare complessivo dei premi assegnati al personale, monitoraggio dei tempi di procedimento amministrativo, bandi di gara, concessioni, contratti, ecc. ecc.
          La legge stabilisce sanzioni per l'inadempimento degli obblighi di pubblicazione o per la sola mancata predisposizione del programma triennale per la trasparenza. Gli inadempimenti incidono sulla valutazione dei dirigenti, contribuiscono al danno di immagine per il Comune e influenzano la retribuzione di risultato spettante ai dirigenti. E infine, come ciliegina sulla torta, la violazione degli obblighi dà luogo ad una sanzione amministrativa da 500 a 10.000 euro. Dei 64 indicatori che servono a determinare la qualità delle informazioni fornite ai cittadini, il Comune di Piazza Armerina non ne ha centrato neppure uno ed è in tal modo agli ultimi posti della classifica italiana. 
         Se il sito del Comune fosse in regola con la legge sapremmo quali sono state esattamente le spese fuori bilancio (1.140.000 Euro, pare) a chi sono andati i soldi e perché. In questo modo i cittadini potrebbero controllare direttamente l'operato dell'Amministrazione senza dover elemosinare un favore a politici, politicanti, giornalisti e lecca lecca vari, per sapere quello che hanno il diritto di sapere. Potrebbe darsi che in mezzo a politicanti e lecca lecca si nascondano personaggi che potrebbero avere tutto l'interesse a nascondere alla comunità le informazioni cui ciascun cittadino ha diritto. Il medio evo è finito da un pezzo, quindi le gestioni feudali del potere e dell'informazione vanno combattute ed abbattute.
           E' possibile controllare il rispetto della legge sulla trasparenza e l'obbligo di pubblicazione delle informazioni su questo sito istituzionale:
http://www.magellanopa.it/bussola/page.aspx?s=verifica-aministrazione4home&qs=ykvCHvhEOaCeofAhokynziCh4Xw8NPceq%2fYkM%2f8LwP%7c7Bk7DV3ILDqIH3dWFH%7cZl

Archivio blog