giovedì 9 maggio 2013

Venturino esodato

C'è qualcosa nel Movimento 5 Stelle che assomiglia molto di più all'etica (cosa è bene e cosa è male) piuttosto che alla politica (cosa è utile e per chi). E non a tutti può piacere. Ma questo qualcosa fa del  Movimento 5 Stelle una forza politica diversa dalle altre e non tanto per le proposte e le iniziative politiche ma quanto piuttosto per la sua struttura. In altri partiti una vicenda "disciplinare"  avrebbe diviso, creato correnti interne pro e contro, si sarebbe tradotta in una conta di voti, di posizioni di potere, di coltellate, di negoziati e persino nella possibilità di fondare un nuovo partitino. Tutto si sarebbe svolto all'interno delle stanze di palazzi grigi e opachi. In altri partiti i rappresentanti nelle istituzioni sono la forza politica. Nel movimento 5 Stelle la forza politica è il Movimento, cioè gli iscritti e gli attivisti.  E' il cittadino attivo che decide e rispetta le regole fondamentali del Movimento che gli appartiene e non a cui appartiene. E' il ritorno all'agorà, il luogo fisico di incontro e di dialettica tra interessi Pubblici e bisogni dell'individuo, luogo nel quale le regole si rispettano perché sono una garanzia per tutti e solo quando cessano di esserlo si cambiano. Nella Civiltà contemporanea l'idea di agorà sembrava persa, e con essa le sue regole. Ma Occupy Wall Street negli U.S.A., gli Indignados in Spagna, i Partiti Pirati del Nord Europa, il Movimento 5 Stelle in Italia, stanno preparando una svolta. Una svolta culturale, cioè di comportamenti abituali, che molto difficilmente tornerà indietro.



martedì 7 maggio 2013

La legge anticorruzione si può fare

Filippo Civati clicca qui per le sue dichiarazioni

Filippo Civati sotiene che se il PD parlasse col Movimento 5 Stelle e con SEL, una legge anticorruzione si potrebbe fare.
Una brutale provocazione al suo partito che riprende quanto già fatto trapelare dai parlamentari del Movimento 5 Stelle nelle settimane scorse. Ma se si fa la legge anticorruzione cade il Governo Letta... 


mercoledì 1 maggio 2013

Gran Consiglio dell'Inciucio

Il Gran Consiglio del Fascismo
Il Gran Consiglio del Fascismo era un organo che si occupava dei poteri costituzionali di Parlamento, Governo e Re. Era composto da esponenti del Partito Nazionale Fascista. Non era previsto dallo Statuto Albertino che era la Costituzione vigente durante il fascismo. A detta dei più autorevoli studiosi di diritto pubblico l'istituzione del Gran Consiglio del Fascismo fu un colpo di stato, un golpe. 
Il comitato dei saggi
Nel 2013 il Partito Democratico e il Partito delle Libertà, hanno impedito per oltre 60 giorni il funzionamento del Parlamento, non indicando i nominativi dei parlamentari chiamati a comporre le Commissioni Parlamentari di Camera e Senato della Repubblica (articolo 72 della Costituzione) senza le quali il Parlamento non può funzionare.Sempre nel 2013 il Presidente della Repubblica uscente ha nominato un comitato di 10 saggi formato da personalità non appartenenti in gran parte al Parlamento, persone cioè non elette dal popolo, con il compito di definire le linee delle riforme costituzionali, di politica economica e legge elettorale. 
Il Colonnello Tejero nel Golpe del 1981 in Spagna
Rieletto Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha incaricato di formare un nuovo Governo l'On. Letta, il quale ha ottenuto la fiducia della maggioranza del Parlamento su un programma che prevede una "convenzione" per le riforme costituzionali formata da parlamentari, esperti non eletti dal popolo, saggi già incaricati dal Presidente. Né il comitato dei 10 saggi, né la convenzione per le riforme costituzionali sono organi previsti dalla Costituzione della Repubblica. Neppure la sospensione dei poteri del Parlamento è prevista dalla Costituzione.
                                                                                                                                                                           
Che differenza c'è tra l'entrare in Parlamento con una pistola per impedirne il funzionamento, ed impedire il funzionamento del Parlamento senza entrare  in Parlamento con la pistola?
Che differenza c'è tra un organo costituzionale non previsto dallo Statuto Albertino e un organo costituzionale (la convenzione per le riforme costituzionali) non previsto dalla Costituzione della Repubblica?