sabato 31 maggio 2008

Il Programma del Candidato Sindaco Carmelo Nigrelli


Premessa
Il quinquennio 2008 – 2012 rappresenta un momento cruciale nel percorso di sviluppo della comunità e della città di Piazza Armerina.Il POR che ha seguito quello concluso nel 2006 costituisce, infatti, l’ultima possibilità di utilizzare le risorse europee, nelle forme che abbiamo fin qui conosciuto, per programmare e realizzare interventi coordinati finalizzati ad affermare il modello di sviluppo scelto dalla nostra comunità.Occorre pertanto agire, fin da subito, per essere pronti con progetti la cui realizzazione possa essere perseguita nel quinquennio, nel pieno rispetto dei principi di trasparenza, legalità e buona amministrazione ed esaltando la condivisione degli obiettivi con i diversi organismi pubblici coinvolti e con la popolazione.
Politiche di sviluppo economico e territoriali


Questo quinquennio deve essere utilizzato per sviluppare economia e creare posti di lavoro stabili nei settori trainanti del turismo e dell’attività manifatturiera.La costruzione di questo orizzonte di sviluppo sarà facilitata dalla rinnovata appetibilità del grande magnete turistico culturale che è la Villa romana del Casale, i cui lavori di restauro saranno terminati nella primavera del 2009, e dal rientro, nel 2010, della Venere di Morgantina.Il comprensorio sud della provincia di Enna, dunque, potrà godere di una rinnovata visibilità internazionale e di un sicuro aumento esponenziale dei flussi turistici.Piazza dovrà farsi trovare pronta.Questo significa che i prossimi diciotto mesi dovranno essere impiegati innanzitutto a costruire un sistema di offerta di beni che, aggiungendosi ai mosaici e collocandosi all’interno del centro storico – il secondo gioiello del territorio di Piazza – rappresenti la motivazione che possa portare al superamento del modello del turismo di passaggio.Primo obiettivo sarà, dunque, rendere disponibile il patrimonio storico-artistico della città all’interno del sistema dell’offerta turistica. Monumenti non visitabili e opere d’arte non accessibili saranno resi fruibili attraverso accordi con i titolari dei beni e mediante restauri che riguarderanno il patrimonio artistico (quadri, statue ed altri oggetti musealizzabili) e alcuni edifici particolarmente significativi (completamento dei lavori del convento di S. Anna e di quello di Trinità, realizzazione del Museo del credito nell’ex Monte prestami). In questo ambito sarà fondamentale il rapporto costante di collaborazione con la Diocesi di Piazza Armerina sia per il suo ruolo di Ente territoriale che ha sede nella nostra Città, sia per la ricchezza e per il valore del patrimonio di sua proprietà.Al tempo stesso la città dovrà organizzarsi per l’accoglienza potenziando i servizi pubblici di informazione al turista, con la ulteriore qualificazione professionale del personale che dovrà gestire tali servizi, con alcune azioni di formazione volte agli operatori provati (titolari e lavoratori di bar, ristoranti, attività commerciali).Le azioni mirate alla strutturazione dell’offerta turistica saranno affiancate da azioni volte a creare le condizioni per incentivare gli investimenti privati nei settori produttivi (turistico, manifatturiero e dell’artigianato, dei servizi) che potranno essere sotto forma di vantaggi fiscali agli investitori o di attività di sostegno in particolare alle attività di servizio al turista (bar, ristoranti, b&b, attività commerciali nel centro storico) ovvero sotto forma di: acquisto di immobili nel centro storico con comodato d’uso gratuito a favore di chi avvii attività commerciali ed artigianali; eliminazione dell’ICI sugli immobili destinati ad attività commerciali; eliminazione della TOSAP sulle attività commerciali e artigianali.Non meno importanti e, quindi, oggetto di specifiche politiche di attenzione e sostegno saranno le attività culturali e artistiche, nella convinzione che la cultura costituisce oggi, più che in passato, non solo un elemento fondamentale per garantire la qualità della vita dei cittadini, ma un elemento sostanziale delle politiche di sviluppo legate al tempo libero.La promozione delle attività culturali e la valorizzazione delle personalità che vivono e operano nel nostro territorio riguarderà ogni forma di cultura, dalla più elevata alla più popolare e sarà mirata al massimo coinvolgimento di cittadini di ogni fascia d’età e di ogni ceto sociale, con forti interazioni con il sistema scolastico e con il determinante contributo delle associazioni, a partire da quelle che hanno consolidato nel tempo un ruolo in città, fino a quelle di più recente istituzione.Sarà avviata una politica di eventi di diversa rilevanza con l’obiettivo di offrire a cittadini e turisti ulteriori occasioni di attività sociale e permanenza in città (mostre, rassegne, festival, ecc.) e con conseguenti favorevoli ricadute sul piano economico. Tali eventi coinvolgeranno anche gli artisti che operano già nel territorio e potranno concorrere a fare di Piazza un luogo centrale nella geografia di alcune forme artistiche la cui rilevanza economica è ormai assodata in Italia, come la musica e le arti visive.Il recupero del centro storico dovrà inoltre tenere presente le esigenze degli abitanti e dovrà essere finalizzato a potenziarne proprio la funzione residenziale avviando, fin dalla prima seduta di Giunta Municipale, l’attuazione del Piano Particolareggiato del quartiere Monte che, approvato da tempo, non è stato reso esecutivo.Per quanto riguarda le attività artigianali e manifatturiere, occorrerà colmare il colpevole ritardo accumulato sull’area artigianale di Bellia il cui piano è vigente da quattro anni, ma che non si è voluto urbanizzare. Nella prima seduta di Giunta Municipale verrà affidato all’Ufficio Tecnico l’incarico della progettazione esecutiva delle opere di urbanizzazione dell’area artigianale e della realizzazione dei capannoni previsti. L’attuazione sarà perseguita o con la partecipazione ai bandi specifici che verranno emanati dalla Regione oppure, per maggiore celerità, con il coinvolgimento diretto di consorzi di artigiani e imprese interessati.Le politiche del Comune mireranno a dimostrare che è possibile coniugare qualità dell’ambiente e sviluppo economico caratterizzando il progetto dell’area artigianale con valenza paesaggistica, redigendo il Piano di utilizzazione della preriserva di Bellia, unica possibilità di risolvere definitivamente anche la questione della secolare Fiera del bestiame, promuovendo la istituzione di parchi naturali e archeologici nelle aree più pregiate del territorio.Le politiche di sviluppo del territorio saranno implementate all’interno del quadro di pianificazione stabilito dal nuovo PRG per il quale si seguirà l’iter di approvazione per garantire la sua massima celerità.Politiche di qualità urbanaIl futuro pensato per Piazza Armerina è associato all’idea di una Città aperta, capace di esprimere idee e progetti, di accrescere la qualità della vita e il benessere dei cittadini, di offrire loro opportunità, servizi e buone ragioni per non andarsene altroveCittà aperta intesa come comunità che ha una propria identità e nella quale il sostegno al cittadino sia elemento fondante, e nella quale le persone ritrovino il gusto di riconoscersi e dialogare dentro una Città pulita, con traffico ordinato e senza inquinamento, che ponga come punto qualificante dell’intervento pubblico l’attenzione ad uno sviluppo eco-compatibile e alle prospettive offerte dalla bio-edilizia, restituendo alle sue meravigliose piazze il ruolo di luoghi di incontro e non di arene.Infatti, la qualità della vita a Piazza Armerina è negativamente influenzata dalla totale assenza di politiche di governo dei flussi di traffico veicolare e della sosta.Il congestionamento delle strade è in parte legato all’enorme numero di automezzi, ma anche alla mancata attuazione del Piano Urbano del Traffico redatto un decennio fa. Già dalla prima seduta della Giunta Municipale si procederà alla verifica ed eventuale adeguamento del Piano Urbano del Traffico e della sosta con successiva immediata attuazione delle scelte in esso contenute.Non meno importanti sono le azioni che dovranno essere messe in campo per migliorare la qualità della città e della vita dei suoi abitanti attraverso il miglioramento di attrezzature e servizi. Da questo punto di vista è prioritario un intervento rapido per rendere accoglienti le periferie (villaggio Sammarco, periferia nord) con realizzazioni nel campo delle attrezzature pubbliche di quartiere e di qualità degli spazi urbani. In questo settore si porrà particolare attenzione alle esigenze dei bambini e dei giovani con l’avvio immediato del programma denominato “10 campi per 10 quartieri” che prevede la realizzazione in ciascun anno di due spazi all’aperto per bambini e giovani distribuiti in tutti i quartieri della città, a partire da quelli più sfavoriti.Le attività legate al tempo libero e allo sport diventano sempre più importanti sia per le fasce d’età giovanili che per quelle degli adulti e della terza età. Con il coinvolgimento degli operatori nel settore dello sport, si avvieranno politiche di incentivazione dell’attività sportiva e collettiva dei cittadini con particolare riferimento a quelli in età scolare e agli anziani. Tali attività potranno usufruire sia delle attrezzature già esistenti sulla gestione delle quali verranno individuate le soluzioni migliori di concerto con le società e i gruppi sportivi, sia con la programmazione di nuove attrezzature anche di livello consortile sulle quali coinvolgere i comuni vicini.I bambini e i giovani saranno al centro di politiche volte non solo alla realizzazione degli spazi verdi, ma di riqualificazione dei luoghi in cui passano molte ore al giorno: le scuole. Sarà elaborato un programma che consentirà di trasformare le scuole primarie nella seconda casa dei bambini con un ciclo di manutenzioni e miglioramenti finalizzati all’utilizzazione delle attrezzature scolastiche anche al di fuori delle ore di lezione. Si darà vita ad una Città a misura di bambine e bambini, perché una Città così pensata è in grado di soddisfare le esigenze di tutti i suoi piccoli cittadini. Nascerà la “Fattoria dei ragazzi” come luogo di educazione socio-ambientale; sarà attivato un “Laboratorio della memoria”, rivolto a ragazze e ragazzi per avvicinarli alle radici storiche locali.Si favorirà la diffusione tra i giovani di una formazione europea, promuovendo scambi con le grandi Città Europee,Sarà avviata una seria riflessione sui servizi gestiti da enti diversi dal Comune, quali la raccolta e smaltimento dei rifiuti, per individuare, nel rispetto della normativa, soluzioni ai problemi emersi negli ultimi anni, basate su carica innovativa sia dal punto di vista tecnologico che giuridico, valutando anche la possibilità di tornare alla gestione diretta da parte dei comuni in alternativa agli ATO.Politiche sociali, sociosanitarie e culturaliLe nuove politiche sociali che dovranno essere poste in essere fin dall’insediamento della nuova amministrazione saranno finalizzate all’attivazione del sistema di accreditamento delle agenzie che erogano i servizi sociali sul territorio, per superare l’attuale sistema degli affidamenti tradizionali e valorizzare le realtà locali.Si procederà alla istituzione di servizi per l’adolescenza e la gioventù e al potenziamento e specializzazione dei servizi già erogati dal comune sia in favore dei minori che in favore degli anziani non autosufficienti, che dei diversamente abili.Saranno promosse attività e iniziative per la prevenzione e la riduzione dell’abuso di sostanze e di tutte le forme di violenza, per le vecchie e nuove forme di povertà e saranno adeguate le strutture comunali, i documenti fondamentali (Piano di zona, Carta dei servizi). Sarà istituito l’Osservatorio cittadino delle Politiche sociali e sanitarie con il coinvolgimento degli enti del terzo settore impegnati.I rapporti con il territorioLe politiche di relazioni con i centri vicini, con la provincia di Enna e con le altre città d’arte del centro della Sicilia, saranno consolidati e potenziati con l’ottica di creare una rete di città capace di offrire ai residenti servizi rari difficilmente realizzabili da un solo comune e di competere sul campo di gioco del settore del turismo e del tempo libero. Una particolare attenzione sarà posta ai cittadini che risiedono nelle contrade del territorio di Piazza Armerina che sono prossime ad altri centri abitati (contrada Albana, Castani, Gatta) con l’obiettivo di ridurre il gap di servizi disponibili. In questa ottica di sviluppo consortile, il problema di tali contrade potrà essere affrontato istituendo, ove possibile, le frazioni.La risorsa umanaUn programma così ambizioso e al tempo stesso realistico e fattibile vuole dare una svolta “storica” a Piazza e ai suoi abitanti. Esso ha bisogno, perché si realizzi, del coinvolgimento di tutti, da coloro che saranno direttamente impegnati nell’Amministrazione comunale, al personale che lavora al Comune ricco di professionalità spesso sottoutilizzate, ai tanti lavoratori precari per i quali si avvieranno tutte le procedure possibili di stabilizzazione, ai professionisti, ai cittadini impegnati nel sociale. Una grande azione corale di tutta la popolazione che, nei diversi ruoli, dovrà essere motivata e coinvolta in questa scommessa. Alle capacità locale verranno affiancate istituzioni e figure di alta specializzazione (università, aziende, studiosi, esperti) in modo che in ogni politica del comune si possa puntare al massimo risultato nell’interesse della città e dei cittadini.
A collaborare alla realizzazione del programma sono designati i seguenti assessori:
Calogero Cimino, nato a Piazza Armerina il 17.07.1962
Teodoro Ribilotta, nato a Piazza Armerina il 30.06.1963
Lina Grillo, nata a Piazza Armerina il 20.09.1954
Francesco Restivo, nato a Piazza Armerina il 26.03.1973
Il candidato Sindaco
Fausto Carmelo Nigrelli

Archivio blog