sabato 31 maggio 2008

il Programma del Candidato Sindaco Maurizio Prestifilippo


Piazza Armerina deve guardare lontano. La nostra città deve ripartire dando un seguito a ciò che è già stato avviato, e trovandosi pronta a mettere in gioco le proprie potenzialità e a cogliere le opportunità che le si presenteranno.Piazza Armerina deve mettere in moto le sue migliori risorse, deve ritrovare la capacità di definire le priorità e attivare le risorse per raggiungere gli obiettivi condivisi; per questo motivo deve ripartire in un orizzonte di grandi obiettivi di sviluppo che tengano presente le connotazioni territoriali e culturali nelle quali è inserita la nostra città.Piazza Armerina continua a perdere abitanti, sarà quindi necessario intervenire con politiche che sappiano dare fiducia ai giovani e che forniscano sostegno alla famiglia e alla natalità. Piazza non dovrà solo essere luogo da visitare ma dovrà essere capace di attirare persone che, una volta giunte, avranno voglia di rimanere.In tal senso il cambiamento potrà essere evidente sfruttando le grandi potenzialità che Piazza ha, a partire dalla posizione geografica favorevole e dalle capacità turistiche esistenti. Sarà necessario potenziare i sistemi di rete attraverso i quali il flusso turistico straniero giunge in Sicilia e dare vita ad attività che sfruttino ciò che il nostro territorio offre in materia di paesaggistica e beni naturali.Piazza Armerina è e deve essere innovativa, puntando principalmente sulle risorse di cui il territorio è ricco, quelle che sono le vere nostre “fabbriche”: le risorse culturali e le risorse ambientali.Molto è già stato fatto ma tant’altro dovrà essere compiuto dando, inoltre, seguito a processi culturali e di sviluppo già avviati.Una politica incline alla promozione sociale sarà un elemento di distinzione. Sarà necessaria la costruzione di una città solidale e partecipata nella quale possano essere valorizzate tutte le risorse e i soggetti che la compongono. Piazza dovrà crescere offrendo soluzioni abitative accessibili e rispondendo in maniera adeguata ai bisogni del territorio.Una città che guarda al futuro con ambizione non può però permettersi di lasciare indietro i più deboli. Questo atteggiamento verso l’inclusione e la promozione sociale sarà un altro elemento di distinzione rispetto agli ultimi anni. Il futuro di Piazza Armerina sarà costruito puntando sulla qualità della vita, che deve essere l’obiettivo primario, sapendo che la centralità della persona è il cardine sul quale costruire le politiche e offrire i servizi. La ricchezza prodotta dovrà essere distribuita in maniera più equa.L’impegno è quindi quello di lavorare insieme a tutte le forze positive della città.Il programma che vi presentiamo per il 2008-2013 è necessariamente correlato e consequenziale al progetto per la città presentato nel 2004, progetto ambizioso che ha visto raggiunti molti degli obiettivi prioritari allora individuati.Ottenere risultati comporta impegno e tempi lunghi: molte sono le cose che abbiamo avviate e molti sono i cantieri che in questi giorni prenderanno il via:
Ø il rifacimento della pubblica illuminazione in centro storico;
Ø l’adeguamento delle strutture scolastiche;
Ø il recupero dei contenitori storici;
Ø la realizzazione di parcheggi ed il rifacimento della viabilità urbana, anche con la realizzazione di rotatorie;
Ed inoltre:
Ø la creazione di una rete museale con biglietto unico;
Ø la riqualificazione degli spazi pubblici e del verde urbano;
Ø il rilancio del Palio dei Normanni;
Ø l’assistenza intesa come servizio e non come assistenzialismo;
Ø riqualificazione dell’asilo nido e dei servizi per l’infanzia;
Ø istituzione in città del Corso di Scienze Infermieristiche;
Ø la valorizzazione del paesaggio come risorsa per il territorio;
Ø la sicurezza per una città migliore e più vivibile;
Dal 2004 al 2008 Piazza Armerina è stata protagonista anche di altri grandi progetti che l’Amministrazione comunale ha seguito puntualmente fornendo il proprio utile contributo per il loro avvio:
Ø la nuova rete idrica;
Ø la nuova rete fognaria;
Ø il recupero della Villa del Casale;
Ø il recupero di Palazzo Trigona.
Questo in sintesi è lo stato dell’arte del programma presentato ai cittadini nel 2004 mentre per il nuovo quinquennio ci proponiamo di andare oltre secondo i seguenti temi:Politiche per il territorio: Il territorio di Piazza Armerina possiede 3 elementi di forza: la Villa Romana, il patrimonio architettonico del centro storico ed il paesaggio; tutti elementi che vanno posti in stretta correlazione tra di loro, senza che uno elida l’altro e che, insieme, costituiscono la vera e reale opportunità di sviluppo e crescita della nostra città.I lavori di restauro della Villa Romana sono già iniziati e ci restituiranno, a breve, un monumento che per la sua complessità e storicità attrarrà molti di più degli attuali visitatori. Il centro storico è stato oggetto di attenzioni mirate e fra qualche settimana si apriranno molti cantieri. La realizzazione del Museo della Città e del Territorio a Palazzo Trigona sembra essere ormai avviata e la presenza in città del Museo Trigona e del Museo Diocesano, oltre la rete di “esposizioni” minori (la Pinacoteca in corso di allestimento, le sale di archeologia medioevale, la nuova Sala del Palio etc.) farà si che il nostro centro storico si presenti come secondo polo culturale del territorio in stretta relazione con la Villa del Casale.Ci proponiamo di:
Ø continuare la politica del recupero e della riqualificazione del centro storico.
Ø Porre particolare attenzione al paesaggio, ed a quello rurale specialmente.
Ø Preservare il grande polmone verde che ci circonda, oggi sempre più fatto oggetto di aggressioni di vario tipo.
Ø Riqualificare il paesaggio boschivo e reinterpretarlo in chiave occupazionale, anche tramite l’attuazione del Piano di utilizzo della RNO Rossomanno-Grottascura-Bellia.
Ø Sostenere le attività imprenditoriali in sintonia con il programma di sviluppo della città.
Ø Sostenere gli investimenti in centro storico ed il recupero degli edifici di proprietà privata.
Ø Applicare il regolamento “Paese Albergo”, per far si che l’enorme patrimonio abitativo, oggi inutilizzato, del centro storico possa essere riconvertito, anche in chiave turistica, e dar luogo all’albergo diffuso.
Ø Attuare il Piano Regolatore Generale integrandolo, nelle scelte, con il “vissuto” del nostro territorio.
Ø Garantire una offerta qualificata di servizi per le isole amministrative di Piazza Armerina (Valguarnera, Mirabella) ed anche per i territori a margine (Barrafranca) anche tramite l’attuazione di piani e programmi specifici.
Ø Programmare interventi di manutenzione straordinaria e ordinaria del territorio, che debbano assicurare , assieme ad un azione più efficace di controllo, qualità della vita e sicurezza.
Ø Mirare alla qualificazione dei servizi
Ø Potenziare la politica ambientale, favorendo il risparmio energetico, promuovendo l’uso di fonti energetiche alternative, sia per il patrimonio pubblico, che nei confronti dei privati.
Ø Promuovere l’acquisizione di comportamenti corretti in campo ambientale.
Ø Realizzazione di un Piano strategico che coniughi le aspettative del territorio con le potenzialità di carattere turistico-culturale e con le linee di sviluppo economico in sinergia con altri enti territoriali ma anche e soprattutto con l’imprenditoria privata.
Ø Proporre una Legge speciale per la città ed il suo territorio che sia di supporto per l’ente pubblico ma anche e soprattutto per i privati.Ø Creare una rete territoriale che valorizzi la città in funzione delle emergenze culturali ed ambientali del territorio (Morgantina, Lago di Pergusa, Parco Floristella);
Ø Individuare le fonti di inquinamento presenti nel territorio al fine di preservare la salute pubblica.Politiche per il sociale e per la salute: Vogliamo attuare delle politiche sociali basate sull’assistenza e non sull’assistenzialismo e promuovere una politica per l’infanzia che preveda la realizzazione di spazi gioco dedicati ai diritti dei bambini, piccoli cittadini del domani.Inoltre:
Ø Riaffermare la solidarietà quale valore sociale indiscutibile, che deve essere declinata in tutti i suoi aspetti necessari a favorire la coesione sociale, assistenza, prevenzione, formazione, integrazione ecc.
Ø Valorizzare e integrare il potenziale dell’associazionismo e del volontariato, ricchezza inesauribile di questo territorio.
Ø Garantire il trasporto pubblico ad anziani e invalidi gratuito.
Ø Prolungare l’orario di servizio asilo nido fino alle ore 18:00.
Ø Richiedere alla Regione secondo modulo asilo nido.
Ø Garantire il trasporto gratuito a disabili adulti per attività fisioterapiche.
Ø Garantire l’ apertura centro disabili dalle ore 8:00 alle ore 20:00.
Ø Garantire l’assistenza domiciliare anziani e malati gravi.
Ø Prevedere l’apertura centro di fisioterapia presso la Casa di Riposo S. Giuseppe.
Ø Prevedere piani specifici per soddisfare la domanda di abitazioni in affitto a prezzi sostenibili, con la messa a disposizione di minialloggi a canone sociale, da ricavare al posto di abitazioni fatiscenti in centro storico.
Ø Realizzare programmi contro l’estrema povertà.
Ø Prevedere interventi specifici per gli anziani soli, anche con la messa a disposizione di alloggi comunitari.Ø Supportare il potenziamento del reparto di cardiologia.
Ø Supportare l’istituzione del servizio rianimazione che potenzi la vocazione chirurgica del nostro ospedale.
Ø Supportare l’acquisto risonanza magnetica.
Politiche per la cultura: Proponiamo un’oculata attenzione al settore della cultura come strumento di crescita e formazione dei cittadini, in particolare dei più giovani per dar loro basi solide per affrontare la vita, ma anche come strumento di promozione qualificata del territorio.Inoltre:
Ø realizzazione di un sistema di formazione di alta specializzazione post laurea in partenariato con università italiane e straniere (Summer school);
Ø realizzazione di una istituzione culturale di tipo pubblico-privato che veda nel teatro Garibaldi, ormai interamente agibile, e nella Biblioteca Comunale i motori ed il traino per la rinascita culturale della città.
Ø Realizzazione di manifestazioni culturali (e specifiche di archeologia) cadenzate da appuntamenti istituzionalizzati.Politiche per i giovani: Proponiamo la realizzazione di azioni che permettano la permanenza dei giovani a Piazza Armerina.
Ø Incentivi all’imprenditoria giovanile e realizzazione di centri orientativi all’ingresso nel mondo del lavoro.
Ø agevolazioni sulla casa per le coppie giovani, giovani in cerca di prima occupazione, nuclei unifamiliari.
Ø istituzione di un osservatorio sull’abbandono scolastico e il disagio giovanile.
Ø istituzione di un centro sociale giovanile nei capannoni ex Itis e supporto ai centri di aggregazione giovanilePolitiche per lo sviluppo: Strettamente collegato alla programmazione pubblica è lo sviluppo economico, che in un territorio come il nostro è fortemente connesso anche alla cultura.
La valorizzazione delle potenzialità artigianali, commerciali e produttive deve andare di pari passocon la valorizzazione della storia, dell’arte, della cultura e dei beni culturali pubblici e privati.Anche qui la funzione dell’Amministrazione comunale dovrà essere, non tanto di finanziare associazioni, categorie, eventi, quanto piuttosto di garantire il coordinamento di tutto il mondo economico produttivo, sostenendolo nel realizzare politiche di area, nella ricerca di finanziamenti e nei progetti di crescita di qualità, di innovazione, di sviluppo. In ciò sarà importante e decisivo il decollo dell’area artigianale con la realizzazione delle opere di urbanizzazione.Vogliamo creare condizioni di sviluppo in cui l’intervento del privato supporti la programmazione pubblica. Per questo occorrerà valorizzare e mettere in gioco le risorse pubbliche, ricercare finanziamenti pubblici e privati che possano intervenire in progetti di qualità, favorire opere di interesse privato che abbiano ricadute pubbliche. In ciò sarà utile il potenziamento dello sportello Europa.Politiche per la scuola: bisognerà rivedere con un indirizzo un po’ nuovo i criteri di finanziamento delle attività didattiche, che dovranno quindi privilegiare:
Ø la formazione e la consulenza agli insegnanti piuttosto che gli interventi esterni nelle classi;
Ø formazione specifica della classe docente in relazione alle peculiarità del territorio;
Ø attività finalizzate a favorire la cultura scientifica;
Ø attività finalizzate ad affrontare problematiche legate all’educazione civile, ai comportamenti corretti in campo ambientale, quindi la legalità, la lotta alla mafia, la conoscenza dei rischi della droga e dell’alcool, il fenomeno del bullismo.
Politiche per lo sport: Ulteriori interventi prevediamo per ottenere l’agibilità del Palazzetto dello Sport della Provincia. Realizzazione di un Palaghiaccio nell’ex Palasport Sammarco. Ristrutturazione della Palestra ex Itis, del campo di calcetto e dello spazio polifunzionale della Castellina. Intendiamo coinvolgere le associazioni sportive locali nella gestione delle strutture comunali per incentivare l’uso delle attrezzature sportive pubbliche a favore dei giovani.
Risorse finanziarie: Bisognerà continuare a lavorare molto sulla ricerca di finanziamenti nazionali e comunitari e, all’interno, agire su più fronti:
Ø sulla spesa, agendo in modo oculato e rigoroso;
Ø sull’entrata con il recupero dell’evasione, con un aumento della vigilanza e del controllo sul territorio, con una verifica di tasse e tariffe che vada verso la copertura dei costi ma salvaguardi i redditi più bassi, ma anche con la ricerca sistematica di finanziamenti privati e pubblici
Ø sull’urbanistica, supportando le aree di trasformazione, ma anche perché l’intervento privato, opportunamente guidato dal pubblico, possa portare risposte importanti sul territorio di interesse generale sia negli investimenti che nell’ambito della gestione, portando nelle casse comunale anche gli oneri di costruzione.Benefici fiscali: diminuzione della tariffa acqua grazie alla riduzione degli sprechi legata al rifacimento della rete idrica; potenziamento fonti idriche del comune.Proposta di una legge di iniziativa popolare che restituisca il servizio di raccolta rifiuti ai comuni, anche in forma consorziata.

Archivio blog